Terra&Acqua n. 1/gennaio 2016. Periodico quindicinale on-line. Direttore: Marco Fumagalli. Redazione e pubblicità info@batevents.com. Iscrizioni per abbonamento gratuito www.itinerarifolk.com. Aut. Tribunale di Como n.3/13 del 2/4/13

 
La Riva Romantica
LA chiamano così La chiamano la Riva Romantica, la collana preziosa di paesi sulla vecchia strada ReginaMoltrasio, Carate, Laglio, Brienno. Quante volte sono passato di qui, quanto volte ho guardato, quante volte ho scritto. Godendo con gli occhi, col cu
 
Moltrasio, Carate, Laglio, Brienno. Quante volte sono passato di qui, quanto volte ho guardato, quante volte ho scritto. Godendo con gli occhi, col cuore e con la mente di tanta perpetua bellezza. E alla fine ciò che ognuno si porta a casa è uno scrigno di immagini straordinarie. Si può incontrare il pescatore che quando sta in barca, vive come una poesia. Fa parte dell’incantesimo del lago. L’acqua che combatte con la terra della riva. Una partita a dama con il cielo che fa paura quando è in tempesta. Mai come in questo caso il rapporto tra Terra & Acqua è così veritiero, roccioso e liquido, come il carattere della gente che vive e ha vissuto da queste parti. Così fu il Domenico Bernasconi, quel pugile di Laglio che per due
minuti fu campione del mondo. È già una storia, una ballata. E l’emozione di stare davanti all’affresco della Lavanda dei piedi nella chiesa di Santa Marta a Carate
Urio. Di stare nella sala dove si riuniva la confraternita della santa morte a pregare per il suffragio delle anime dei defunti, incappucciati con la croce scarlatta,
perché la carità non deve avere volto. E poi scoprire, rivivere la fatica dei cavatori di pietra, una tradizione che da queste parti va di padre in figlio. Con la fatica
disegnata nel fazzoletto. La pietra che parla e ride, che racconta e racconta e racconta. La pietra di Moltrasio parla della nostra storia, ha fatto un viaggio per
tramutarsi nelle bellezze storiche delle chiese di San Carpoforo e Sant’Abbondio e San Fedele. E per le vie di Brienno, pietre usate per costruire, pietre crollate,
pietre che hanno distrutto altre pietre, pietre posate per far camminare qualcuno, pietre usate come spola fra quel che sta fermo e quel che si muove. E il legno
dei maestri d’ascia. Fra le genti della Riva Romantica, l’amore per la barca è nei geni familiari. Ancora una volta la terra incontra l’acqua e viceversa. Da quando
l’uomo ha visto l’acqua ha voluto conquistarla, attraversarla, navigarla.
A costo di prendere un pezzo di legno da un bosco, un fiume, un canale, fare una
zattera, una nave. Fin dall’inizio è stato un amore. E la vita gira finché gira l’elica. Ma gira a vuoto se non hai un timone. Il maestro d’ascia è colui che vedendo un
tronco riesce a vedere il disegno finale della barca. E c’è un legno per costruire una chitarra e c’è un legno per costruire una barca. E in un modo o nell’altro, la
scia della poesia ci sarà.
Scarica articolo in formato .pdf
"Nel cuore di Como, un'oasi di relax tra arte e cultura" VIA ANZANI 12/C |
COMO (CO) ITALY
TEL. 0039 0314038102
www.lizardhotel.com - info@lizardhotel.com
Copyright © 2021 Batevents - www.itinerarifolk.com
grafica: samuelachindamo.com | webmaster: adriano.oliviero@partners.co.it