Tera e akua

E semm che setaa giò
in soel trenu
che semm staa a laurà a Milan
em lustraa la bela Madunina
che la gaa de brilà de luntan
Però adess vorum vedèe
la riva del laagh
che la brila anca de visèn
Adamo e Eva ieren faa de palta
Tera e Acqua l’è el nost desten
E semm che setaa giò
in soel trenu
che ‘l curr sole pecen
de la feruvia
te se ne necorget che te seet a ca
te se regordet che te seet sta via
Vori vedee la luus
del faro de Brunaa
che la varda e la se faa vardà
dopo el trenu naret soel batell
tra Tera e Acqua
l’è due vorum staa
Poeti e pescaduu,
santi e sfrusaduu
che specen cui fantasmi a la Pliniana
e i ricordi an verduu la damigiana
la storia che semm tucc l’è quela
misteriusa
scapada via dai libri
la s’è scunduda che tel disi me
E semm che seta giò soel trenu
che semme troppo stracch
per restaa in pee
ogni fermada vemm innanz
de un post che ghem pagura de restàa indree

Se sentum tucc cume Marco Polo
quand finalment l’è turnaa che
ma semm via dumà de stamatena
l’è la psicosi de ogni laghèe
E semm che seta giò
in soel trenu
e a pudè fall narisum gioe
a ruzzall
se sari i oecc
senti giamò la Breva
e mer par de pilutà un cumball
E m’an di che anca un chiodo,
un chiodo del Signur
quand l’è staa che l’ha pioe
vuruu na via
se borla giò la Pietra Pendula faa
che la crapa la sia mea la mia
Poeti e pescaduu, vescuvi
e sepultoni che specen seta giò
soel molo de Brienn
cui sass del Multras, l’oli de Lenn
Tutt quell che ghem bisogn
l’è Tera e Acqua
e possibilmente anca
un bucer de ven
Poeti e pescaduu,
santi e sfrusaduu
che specen cui fantasmi
a la Pliniana
e i ricordi an verduu la damigiana
la storia che semm tucc
l’è quela misteriusa
scapada via dai libri
la s’è scunduda che
tel disi me